La Calabria fa Schifo..Alla scoperta della Rossa di Calabria!

Tempo di lettura: 3 minuti

CIPOLLA DI TROPEA
LA ROSSA IGP

Considerata un vero elisir di lunga vita, la cipolla rossa di Tropea è per noi del Panino Genuino un must. Assieme agli altri ingredienti di origine protetta utilizzati, la cipolla di Tropea è per noi un ingrediente indispensabile per arricchire e insaporire ogni nostro panino, pensato abilmente con cura per esaltare al massimo il vero sapore della nostra terra.

Il pittore Enotrio Pugliese sosteneva che le Cipolle di Tropea fossero particolarmente dolci perché si nutrono della storia millenaria del territorio in cui sono coltivate:
Dicinu ca’ nta terra,
adduvi chjanti cipuji,
camparu pe mill’anni
greci, arabi e normanni.
pe chissà sugnu duci!
nta stu fumeri i gloria
a parghelia i cipuji
nesciru a menza a storia.

(Dicono che nella terra,dove pianti cipolle, vissero per mille anni greci, arabi e normanni. Per questo sono dolci! In questo letame di gloria a Parghelia le cipolle nascono in mezzo alla storia.)

La sua origine è molto antica. Sono molte le fonti che attribuiscono il suo ingresso nel Mediterraneo ai Fenici e ai Greci. La Cipolla di Tropea viene nominata per la prima volta nel Naturalis Historia di Plinio il Vecchio, che la descriveva come un toccasana per i disturbi e i malanni.

Il suo nome scientifico è Allium Cepa e indica la varietà coltivabile. L’odore non è proprio simpatico ma il suo particolare sapore è in grado di arricchire ogni piatto, diventandone a volte il vero protagonista.
Qui in Calabria l’area di produzione della cipolla ricopre il comune di Ricadi nel territorio di Capo vaticano.

 

Ma, da dove nasce il nome “Cipolla di Tropea”?
Nasce dal fatto che le cipolle venivano spedite in tutto il mondo dallo scalo ferroviario di Tropea.
La distesa del promontorio di capo Vaticano si propaga verso Tropea ed è caratterizzata da rigogliosi orti famosi per la Cipolla rossa di Tropea che dal 2008 vanta la denominazione IGP.
La Cipolla di Tropea è una varietà di cipolla molto amata dai calabresi. Per quanto sia uno dei più conosciuti prodotti tipici calabresi, la Cipolla di Tropea è ormai consumata in tutta Italia e nel mondo: cruda, per arricchire le insalate, oppure cotta per primi o secondi.

Cosa rende la cipolla di Tropea unica ed invidiata in tutta Italia?
Uno dei suoi elementi contraddistintivi è il sapore dolciastro che deriva da un clima invernale, mite e dalle proprietà della terra dove viene coltivata. Questo tipo di cipolla ha infatti bisogno di un terreno fresco e rivolto al mare.
Viene coltivata su suoli vulcanici, freschi, e ricchi soprattutto di potassio. Questi suoli cosi particolari e unici, sono stati oggetti di studio da parte dei pedologi di tutto il mondo al fine di capire la nobile composizione di queste terre fertili, per loro considerato un vero elisir di lunga vita.

LEGGI ANCHE: NDUJA DI SPILINGA, IL FUOCO SPALMABILE

Quali sono i benefici e le proprietà terapeutiche?
Le sue altissime proprietà antibiotiche e antiossidanti non solo danno benefici all’ organismo ma prevengono malattie degenerative, malattie della pelle, infarti e non solo. Contrasta i radicali liberi, abbassa i livelli di colesterolo, ed è un ottimo rimedio contro i sintomi dell’influenza.
Grazie alle sue proprietà benefiche, la cipolla trova diversi impieghi anche nel campo della bellezza. E’ un ottimo alleato contro la caduta dei capelli.
Studi hanno infatti dimostrano che la cipolla previene la caduta dei capelli, accelera la cicatrizzazione di acne, brufoli e, se applicata come una maschera fai da te sul viso, purifica e conferisce sollievo alla pelle.
E’ un ottimo alimento per chi vuole mantenersi in forma, i tioli della cipolla contrastano l’accumulo di grasso, facendo pulizie ed evitando l’ostruzione delle arterie .
La cipolla, ha inoltre un bassissimo contenuto di calorie, contiene infatti solo 26 calorie per 100 gr.
E se pensi che queste informazioni possano averti stupito, beh allora dovresti leggerti I BENEFICI DELLE ROSSE

2018-08-22T11:07:14+02:00 11 Gennaio 2018|0 Commenti

Lascia un commento