“MI ARRAPA”: IL SEGRETO DELLA FELICITÀ

C’ERA UNA VOLTA…
Una serata d’inverno buia e particolarmente fredda, mi trovavo a casa della mia nonna. Mentre ero impegnato a correre fra le sedie ed il tavolo della cucina, iniziai a sentire un profumo diverso, un profumo che non conoscevo, ma che man mano mi portò nel suo angolo a spiare cosa la nonna stesse facendo.
Ancora non ero abbastanza alto da vedere cosa ci fosse in quella padella e cosi, con molta insistenza, le chiesi di prendermi in braccio per capire cosa mi stesse ipnotizzando.
Acconsentì con un sorriso e avvicinò il mio viso al profumo che fuoriusciva dalla padella… fu un istante, il vapore mi fece chiudere immediatamente gli occhi, e la mia immaginazione si risvegliò con quel profumo.

Ad oggi non saprei dire a cosa stessi pensando ma STAVO SOGNANDO… finché la sua dolce voce mi riportò di scatto alla realtà: “ECCO LE RAPE E SAZIZZA!”

 

UN RITUALE CULINARIO MADE IN CALABRIA
Dai, so che questo piatto ti è familiare. Broccoli Rapa e Salsiccia : l’unione perfetta tra ortaggio e carne che ha deliziato i palati dei calabresi durante interi secoli. Un rituale culinario, sopratutto durante il periodo invernale, dove si trova il broccolo in abbondanza. Un piatto tradizionale ricco di virtù che abbina il gusto amarognolo delle rape ad un altro alimento umile della cucina calabrese : la salsiccia di maiale.

Ma andiamo oltre…
Questa ricetta, l’ho racchiusa nel “Mi Arrapa”. Un misto tra tradizione e creatività, un panino che rievoca tutti i ricordi della cucina della nonna, un inno ai pranzi domenicali, capace di esaltare tutti i tuoi sensi dal primo morso. Una vera celebrazione della cucina calabrese.

“Ancora oggi penso sia il piatto che ti scalda l’anima, il piatto della Domenica, il piatto che unisce tutta la famiglia.”

Per me “rape e sazizza” è questo. È l’avvicinarsi alla padella col pane in mano per gustare questa prelibatezza e mia nonna che impugna minacciosa la bacchetta di legno dicendo: “Finiscila!”… È l’odore di aglio e peperoncino che riempie ogni angolo di casa. È il connubio tra l’amaro delle rape e il grasso della salsiccia che inonda il mio palato.
Ancora oggi penso sia il piatto che ti scalda l’anima, il piatto della Domenica, il piatto che unisce tutta la famiglia.

 

UN PANINO DA CONDIVIDERE
Eppure, in un’epoca in cui siamo sempre più coinvolti a mangiare prodotti lavorati, industriali, trasformati, voglio credere nella nostra cucina. In quella cucina che tramanda le nostre tradizione, la nostra gente, il nostro saper fare da centinaia di anni.
Questa mia volontà è diventata una missione : portare avanti i tesori culinari della nostra realtà in uno show-food. Panino Genuino è condivisione.

E ora’, raccontami un po’ nei commenti, qual è il piatto che ti commuove quando pensi alla tua infanzia? Quello che ti ricorda i pranzi in famiglia? Qual è il tuo piatto della felicità?

Aspetto la tua storia,

Marco

2019-05-15T17:41:55+02:00 21 Marzo 2019|0 Commenti

Lascia un commento